New York, (TMNews) - Sono passati 10 anni da quando Google è sbarcata a Wall Street: il 19 agosto 2004 il gruppo, nato sei anni prima, era stato valutato 23 miliardi di dollari.Mountain View - che si quotò sul Nasdaq - già generava un giro d'affari di 3,2 miliardi di dollari e utili per 286 milioni di dollari. Oggi il valore di Google in borsa è cresciuto di 16 volte giungendo a 390 miliardi di dollari (il terzo per un gruppo americano dopo Apple e Exxon Mobil), con utili per 13 miliardi di dollari.Rispetto a quanto accaduto negli anni successivi, quello di Google non fu un esordio memorabile: arrivò a piazzare sul mercato 19.6 milioni di azioni a 85 dollari l'una, il minimo atteso dagli analisti. Chiuse il primo giorno di contrattazioni a 100,34 dollari ad azione, il 18% in più rispetto al prezzo di collocamento, ma non certo la rivoluzione che ci si attendeva, visto che la quotazione del gruppo era considerata la più interessante dopo l'esplosione della bolla delle dotcom nel 2000.Mountain View - che nel 2004 era solo un motore di ricerca e aveva appena creato Gmail - in questi anni ha aggiunto decine di servizi. Un elemento però è rimasto centrale. La maggior parte del suo giro d'affari viene generato dalla pubblicità sul motore di ricerca. Un tempo per desktop, oggi sempre più focalizzata ai dispositivi mobile.