Washington, (TMNews) - Una svolta storica per Internet. Il governo degli Stati Uniti è pronto ad abbandonare il ruolo centrale nell'attribuzione dei domini in Rete per cederlo a una governance internazionale. L'annuncio va incontro alle richieste avanzate da tempo dall'Unione Europea e risponde alle critiche avanzate all'amministrazione Obama sull'eccessivo controllo degli States su Internet, dopo lo scandalo Datagate scatenato dai programmi di sorveglianza di massa della National Security Agency.Il Dipartimento del Commercio Usa ha annunciato che entro il 2015 non intende avere più il ruolo centrale nella gestione di Icann, l'agenzia no profit che dal 1998 è il regolatore globale di Internet, responsabile della convalida nomi dei domini. In questi anni, di fatto gli Stati Uniti decidevano l'assegnazione dei nomi dei siti, come .com .gov e .org. Entro settembre 2015 gli Stati Uniti daranno al via a un processo condiviso per creare una nuova struttura di controllo, in collaborazione con altre realtà globali.La decisione è stata accolta con soddisfazione dall'Icann: il presidente dell'organizzazione invita i governi, il settore privato, la società civile e le organizzazioni coinvolte in Internet di tutto il mondo "a unirsi a noi per attuare questa fase di transizione".Unico neo le preoccupazioni di alcuni esperti della Rete: temono che il maggiore ruolo che Paesi come Cina e Russia nella regolamentazione porti a minore libertà di espressione.