Verona, (TMNews) - Gli italiani bevono sempre meno vino, ma ne bevono sempre più di maggiore qualità. Nel 2013 i consumi nazionali sono scesi a 22 milioni di ettolitri, il minimo storico dall'Unità d'Italia attestando il nostro paese dietro gli Stati Uniti e la Francia.Secondo una analisi elaborata dalla Coldiretti su dati Ismea in occasione del Vinitaly, la quantità di vino made in Italy consumata all interno dei confini nazionali è addirittura inferiore di quella consumata nel mondo dove l Italia si conferma primo esportatore mondiale.Per effetto della crisi e del cambiamento degli stili di vita, gli italiani hanno quindi rinunciato a quasi un bicchiere di vino su quattro negli ultimi dieci anni; e se la media di consumo è di 37 litri a persona, solo il 21 per cento degli italiani beve vino tutti i giorni e addirittura quasi la metà non lo beve mai.Il formato più venduto che è stato quello delle bottiglie da 75 centilitri a denominazione d'origine che può contare su una offerta di 73 etichette Docg, 332 Doc e 118 Igt.