Accuse di monopolio, nel mirino i programmi Windows e Office