Milano (askanews) - 5 milioni di persone in 3 mesi, oltre 40mila eventi sparsi nella Grande Milano fino al 31 ottobre. Sono questi i numeri chiave di Expoincittà il progetto promosso da Comune di Milano e Camera di Commercio con appuntamenti diffusi in tutta l'area metropolitana in parallelo all'Esposizione universale del sito di Rho-Pero ."Milano è sempre più internazionale. Quando riesci ad accogliere oltre 5 milioni di persone vuol dire che hai reso la città particolarmente attrattiva oltre che bella e interessante".A dare sostegno alle parole di sindaco di Milano, Giuliano Pisapia alcuni dati sulle presenze nei primi tre mesi di Expo.La Siae, che è partner del progetto, ha rilevato per esempio che per gli spettacoli dal vivo nella provincia di Milano la spesa al botteghino è aumentata più del 43%, i partecipanti quasi del29%, a maggio e giugno. Anche i dati sulla ricettività sono confortanti: a giugno e luglio i ricavi sono aumentati in media del 40%, senza contare il trend positivo dell'affitto delle camere tra privati. Tutti dati che hanno portato il Bureau international des expositions, a inserire questo format nel protocollo delle prossime esposizioni. Claudio Artusi coordinatore di Expoincittà"Il nostro obiettivo era intercettare un visitatore per Expoincittà ogni tre visitatori di Expo. In realtà i numeri ci dicono che almeno uno su due fruisce di Expoincittà. Milano ha dimostrato per un periodo lungo di poter essere un grande palcoscenico per il mondo".