Roma, (TMNews) - L'economia di Eurolandia continua a frenare e la Banca centrale europea corre ai ripari. Mario Draghi ha annunciato l'avvio di preparativi tecnici su altre misure straordinarie, da far scattare se fosse necessario intervenire più energicamente contro i pericoli di deflazione.Sembra quindi avvincinarsi quel massiccio piano di acquisti di titoli, un "Quantitative Easing" vero e proprio, invocato da tempo da molti osservatori."Sappiamo che ci sono dei rischi e che dobbiamo prepararci", ha detto il presidente della Bce. A breve inizieranno anche gli acquisti di Abs, prestiti bancari cartolarizzati, che assieme alle varie misure già prese avranno un effetto consistente.Draghi ha poi sgomberato il campo dalle speculazioni di stampa su "fronde" di dissenso nel direttorio: "non esistono, non c'è nessuna divisione Nord-sud". E la migliore risposta a tutto questo è l'unanimità con cui sono state prese le ultime decisioni.