Roma, (TMNews) - Il governo deve intervenire per impedire la chiusura della raffineria di Gela richiamando l'Eni alla sua responsabilità. Del resto l'esecutivo è azionista di maggioranza relativa dell'azienda petrolifera e ha il dovere di farlo. Questa la richiesta del numero uno della Uil, Luigi Angeletti, intervenuto al sit in dei sindacati a Piazza Montecitorio contro la chiusura dell'impianto siciliano.