Roma, (TMNews) - Da anni esiste in Italia la liberalizzazione del mercato elettrico, ma non tutti gli italiani hanno sinora scelto il proprio gestore. Per coloro che ancora non l hanno fatto, opera la società pubblica Acquirente Unico, come spiega il presidente e amministratore delegato Paolo Vigevano. Di recente dice Vigevano abbiamo letto sui giornali che la liberalizzazione del mercato elettrico è fallita. Niente di più falso. In Italia ci sono oggi 200 operatori sul mercato domestico che lavorano in regime di concorrenza e ogni mese circa 100 mila cittadini cambiano gestore: sono 1,2 milioni l anno, perfettamente allineati agli altri Paesi europei. Ma in Italia c è una differenza: questo passaggio verso il mercato libero è realizzato grazie all Acquirente Unico che tranquillizza i cittadini e dà loro il tempo di scegliere. L Acquirente Unico compra l elettricità sul mercato all ingrosso, consentendo a ogni consumatore di essere presente sul mercato, spuntando prezzi che in questo periodo sono stati a volte anche migliori di quelli del mercato libero e che si possono definire sicuri. Possiamo dunque garantire a ciascuno dei consumatori che serviamo di partecipare come i grandi operatori industriali alla fissazione dei prezzi all ingrosso