Firenze (askanews) - "Se il costo del lavoro diminuisce, assumiamo più persone e diamo più servizi". L'equazione è di Oscar Farinetti, patron di Eataly, che, a pochi giorni dall'entrata in vigore, promuove il Jobs act del governo Renzi. Farinetti ha annunciato l'intenzione di assumere 200 persone a tempo indeterminato con le nuove regole sulle tutele crescenti. "Se tutto va bene quest'anno con le nuove assunzioni risparmieremo uno o due milioni di euro che impiegheremo tutti nelle nuove assunzioni. Quindi immaginiamo 200 posti di lavoro in più, con i contratti a tutele crescenti."Il governo ha riposto grandi speranze nella capacità delle nuove norme sul lavoro di ridare slancio all'occupazione in Italia, per il ministro del Lavoro Poletti nel 2015 potrebbero esserci circa 150mila posti in più. Un ottimismo con cui non concordano i sindacati secondo cui il Jobs act renderà alle aziende più facile licenziare e ai lavoratori più difficile far valere i propri diritti.