Roma (askanews) - "In questo momento la situazione congiunturale e le prospettive a breve termine dell'area dell'euro sono più favorevoli degli ultimi anni". Lo ha detto Mario Draghi durante un'audizione alla Camera dei deputati. "Vari fattori contribuiscono ad accrescere la fiducia che la ripresa finora debole e disomogenea nell'area acquisti forza e stabilità - ha detto il presidente della Bce - e che l'inflazione ritorni in modo durevole verso l'obiettivo stabilito dal mandato della Bce, un valore cioè inferiore ma prossimo al 2%".