Milano (TMNews) - Nonostante i timidi segnali di un allentamento della crisi, i numeri sulla disoccupazione continuano a peggiorare: a febbraio in Italia si raggiunge la soglia del 13%, con un aumento di oltre un punto percentuale su base annua. Le stime provvisorie dell'Istat traducono queste cifre in un esercito di persone senza lavoro: ora sono oltre tre milioni e trecentomila. Un nuovo record negativo, che ormai pare che venga battuto mensilmente, che riporta indietro l'orologio della storia occupazionale nel nostro Paese di 14 anni. Resta alto, ma con un lieve cambio di tendenza, il dato sui giovani senza lavoro: a febbraio si registra un 42,3%, 0,1 per cento in meno rispetto a gennaio. Ancora troppo poco per poter trovare un motivo di ottimismo.