Roma, 31 lug. (askanews) - Italia al quinto peggior posto di tutta l'Unione europea sulla disoccupazione. A giugno è salita al 12,7 per cento, il massimo da 7 mesi, mentre nell'area euro è rimasta stabile all'11,1 per cento, minimo dal marzo 2012. Sui giovani, poi, la situazione è stridente, con valori perfino vicini a quelli di Grecia e Spagna. In Italia la disoccupazione tra gli under 25 anni ha superato il 44 per cento, praticamente il doppio della media.Sui giovani è il quarto valore più elevato dell'Ue a 28, in base alle tabelle di Eurostat: peggio fanno solo Croazia, Spagna e Grecia. Mentre sulla disoccupazione generale l'Italia ha un valore più alto anche del Portogallo, che pure ha beneficiato di un piano di salvataggio.A giugno nella Penisola si sono contati 3 milioni 233 mila disoccupati totali, 55 mila in più da maggio. Va precisato che gli aumenti di disoccupati non sono negativi a priori, perché in certi casi possono riflettere anche un ritorno sul mercato di persone scoraggiate, che precedentemente venivano inquadrate come "inattivi". E in effetti, secondo l'Istat, a giugno gli inattivi sono diminuiti di 18 mila unità. Ma sono calati anche gli occupati, 22 mila in meno, e in in questo caso i cali sono sempre negativi.