Milano (TMNews) - Nuovo record per il tasso di disoccupazione in Italia, che a gennaio ha raggiunto il 12,9%, livello massimo dal 1977. Il dato medio per il 2013 si attesta al 12,2%, con un pesante aumento rispetto al 2012, quando si era registrato un comunque severo 10,7%. Nel corso dello scorso anno si sono persi 478mila posti di lavoro, mentre dal 2008 la cifra sale fino a un milione. Record negativo nel Meridione, dove il tasso sfiora il 20%. La situazione più drammatica, però, riguarda i giovani: tra i 15 e i 24enni i senza lavoro sono il 42,4%, pari a 690mila persone. Anche in questo caso si tratta del peggior dato da quando esistono le serie storiche dell'Istat. Un quadro quindi ancora preoccupante e ancorato allo scenario di una crisi che continua a colpire l'Europa, ma soprattutto il nostro Paese.