Roma, (askanews) - L'Italia ha già molte eccellenze nell'interconnessione digitalizzata che sta trasformando le infrastrutture, l'economia e la cultura del mondo contemporaneo, mentre le sfide per il Paese arrivano soprattutto dalla robotica e dalla comunicazione diretta fra mezzi: a spiegarlo è il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, a margine del convegno annuale di Key2people a Roma, che quest'anno è stato dedicato al tema "Guidare o subire un mondo interconnesso".

"Le eccellenze sono parecchie - ha detto Delrio - penso ai sistemi di controllo traffico dell'Enav, alle dotazioni ipertecnologiche dei nostri treni ad alta velocità, penso all'esperimento che stiamo portando avanti dell'autostrada del Mediterraneo, la vecchia Salerno-Reggio Calabria, che sarà completamente digitalizzata e cablata anche per la guida autonoma; le sfide sono quelle di cominciare a pensare sempre di più al dialogo fra l'infrastruttura e i mezzi in modo sempre più massiccio e quindi pensare che il futuro è fatto di robotica e mezzi che dialogano con altri mezzi, non necessariamente attraverso una mediazione dell'uomo. Quindi c'è da fare un grande lavoro sulle infrastrutture per dotarle di sensoristica di sistemi di comunicazione che consentano di esplorare e sfruttare appieno le potenzialità dell'infrastruttura stessa".