Roma, (askanews) - Continua la mobilitazione dei lavoratori Fincantieri contro la disdetta del contratto integrativo da parte dell'azienda. Centinaia di operai degli stabilimenti di Sestri Ponente e Riva Trigoso hanno scioperato e dato vita a un corteo nel centro di Genova, creando gravi disagi al traffico. "Da oggi i lavoratori hanno 70 euro in meno, tutti, in tutti i cantieri navali. Settanta euro in meno ogni mese dentro la busta paga grazie alla disdetta dell'integrativo", ha spiegato Bruno Manganaro, segretario della Fiom Cgil di Genova. Secondo i sindacati, in ballo non ci sarebbe soltanto la disdetta dell'integrativo e il tentativo dell'azienda di imporre un modello basato sui tagli ai diritti e al salario dei lavoratori ma anche il futuro della cantieristica ligure e migliaia di posti di lavoro tra dipendenti diretti e dell'indotto. "In un'azienda che è piena di lavoro che ha ricevuto una commessa dal governo di 5 miliardi per il rinnovo della flotta militare, con commesse per navi da crociera per tre o quattro anni, non ci capisce perché l'azienda debba avere questo atteggiamento", ha aggiunto Manganaro.Il corteo ha attraversato il centro del capoluogo ligure e si è concluso senza incidenti davanti alla prefettura, dove una delegazione di lavoratori e sindacalisti è stata ricevuta dal prefetto Fiamma Spena, a cui è stato chiesto un intervento del governo, principale azionista del gruppo.