Roma (askanews) - Per risanare i conti pubblici è inevitabile ridurre il welfare, facendo pagare ai cittadini i costi di alcuni servizi con tariffe progressive. Lo ha affermato il presidente della Corte dei conti Raffaele Squitieri al termine dell'udienza per il giudizio sul rendiconto dello Stato. "Aumentando - ha detto Squitieri - la componente principale della spesa, che è quella delle pensioni, e se passiamo dal concetto che le entrate tributarie sono troppo elevate e andrebbero ridotte, l'unico modo per cercare di ripianare i conti è ridurre il welfare: ridurre le prestazioni dei servizi o comunque di farli pagare, tariffandoli in maniera equa e progressiva".