Sydney, (TMNews) - Conti in profondo rosso per la compagnia aerea australiana Qantas: 252 milioni di dollari australiani, circa 164 milioni di euro, di perdita netta nel secondo semestre 2013. Cifre che il chief executive Alan Joyce ha definito "insostenibili e inaccettabili", che hanno indotto la società ad annunciare a Sydney un drastico piano di ristrutturazione."Mi dispiace annunciare che ridurremo il numero dei nostri lavoratori di circa 5mila nei prossimi tre anni, inclusi i mille che abbiamo annunciato a dicembre. Ci saranno tagli in tutto il mondo, inclusi 1.500 manager e ruoli non operativi" ha detto il numero uno della compagnia più sicura al mondo."Dobbiamo prendere decisioni dure e drastiche: spostiamo crescita e lavoro sugli asset esistenti, riducendo più di 50 aerei della flotta, con pratiche più moderne e nuove tecnologie più efficienti" ha aggiunto il manager, che si è tagliato lo stipendio del 36%. Alla fine della ristrutturazione, che implica un arresto dell'espansione in Asia, Qantas dovrebbe contare 27mila dipendenti, la maggior parte in Australia.(immagini Afp)