Milano, (TMNews) - "Non ci sono uomini del destino, l'Inps è un istituto fatto di 30mila persone che ha una sua capacità di prestare servizi che non può essere cambiata da chi arriva al margine di questo processo". Il commissario dell'Inps Vittorio Conti, arrivato al vertice dell'istituto dopo le dimissioni di Mastrapasqua e le polemiche che le hanno accompagnate, commenta così il cambio al vertice a margine della Giornata nazionale della previdenza a Milano. "Io sono arrivato e dovrò stare per un periodo relativamente breve - ha aggiunto Conti - c'è un piano industriale da varare, nato con l'idea di gestire dal punto di vista operativo l'integrazione di diversi enti. Stiamo cercando di mettere l'istituto nelle condizioni di flessibilità che rispondono ai nuovi bisogni".