Roma, (askanews) - La normativa vigente consente a chi svolge attività commerciale di tenere il negozio aperto 24 ore su 24, tutti i giorni dell'anno. Confesercenti non si dice affatto d'accordo e chiede al governo di rivedere la legislazione. L'appello arriva da Mauro Bussoni, segretario generale di Confesercenti: "Abbiamo chiesto che venisse rivista la legislazione. Abbiamo prodotto una proposta di legge di iniziativa popolare, abbiamo raccolto firme, le abbiamo depositate. La legge è stata portata in discussione alla Camera, purtroppo ne è uscito un disegno di legge che a noi non piace che porta a sole 6 domeniche l'obbligo di chiusura. Non è stata più trasmessa al Senato e oggi ci troviamo in una situazione di stand-by. Auspichiamo che la discussione possa riprendere e che si possa dare competenza alle Regioni affinchè facciano un programma di aperture corrispondenti alle esigenze dei consumatori ma sia anche rispettoso delle esigenze di chi lavora".Per il segretario generale di Confesercenti il settore è completamente in crisi. "Quello che lamentiamo è la mancanza di una analisi seria sul problema e la possibilità di trovare un ritorno a quelle che sono le tradizioni che caratterizzano la nostra vita".