Pechino (askanews) - La crescita economica della Cina si è stabilizzata nel secondo trimestre del 2015 al 7%, al di sopra delle attese, secondo quando indicato dal governo di Pechino che ha sottolineato come la produzione industriale e le vendite al dettaglio abbiamo accelerato congiuntamente nel mese di giugno.Il Pil cinese è salito del 7% mentre la produzione industriale a giugno, secondo l'Istituto di statistica nazionale è cresciuta del 6,8% su base annua. E anche le vendite al dettaglio della seconda più grande economia del mondo, indicatore chiave della spesa dei consumatori, sono aumentate del 10,6%.Il colosso asiatico nel 2014 aveva fatto registrare una crescita del 7,7%, la performance più debole nell'arco di venticinque anni e per questo il governo aveva fissato per il 2015 un obbiettivo di crescita annuale intorno al 7%.Nell'insieme, secondo gli analisti, la congiuntura economica cinese continua a segnalare affanni a causa di una domanda interna debole mentre il commercio con l'estero, pilastro fondamentale della crescita di Pechino, ha il fiato corto palesando una contrazione di quasi il 7% nel primo semestre.(Immagini Afp)