Roma, (askanews) - La richiesta della Cassa Ragionieri al governo Renzi è chiara: abolire la doppia tassazione. Nella Legge di Stabilità, infatti, il governo Renzi prevede un aumento delle tasse sul "secondo pilastro" (i fondi pensioni privati) dal 11,5% al 20%, che va a sommarsi all'aumento già in vigore delle tasse sulle rendite finanziarie che colpisce anche le Casse di previdenza dal 20% al 26%. Il presidente della Cassa Ragionieri, Luigi Pagliuca:"Quello che vorremmo è assolutamente evitare la doppia tassazione. Capisco il momento di difficoltà, ma quanto meno in questo momento evitare l'aumento: è il minimo che possiamo chiedere al governo. Consapevoli del momento, siamo anche disponibili a fare un sacrificio, ma non danneggiare l'ente".Sullo stato di salute della Cassa Ragionieri, Pagliuca è tranquillo: "I ragionieri oggi nonostante tutto godono di buona salute; siamo sotto tutti i profili in mezzo a una vera e propria tempesta. Le difficoltà maggiori sono per i giovani e per le donne, però la Cassa ha un patrimonio sufficiente a garantire tutto. Questo ci rende particolarmente orgogliosi".