Milano, (TMNews) - Alitalia sempre più nel caos. Il quorum al referendum sugli accordi integrativi che prevedono tagli al costo del lavoro nella compagnia di bandiera non è stato raggiunto. Tra le sigle sindacali ormai è scontro totale. Da una parte la Uilt, che ritiene la consultazione non valida, dall altra i sindacati che hanno sottoscritto l accordo sul piano di risparmi da 31 milioni: Filt-Cgil, Fit-Cisl, Ugl trasporti e Usb. Ma è l'azienda stessa a prendere la parola specificando che "Il mancato raggiungimento del quorum, sulla base del Testo unico sulla rappresentanza e democrazia sindacale, conferma la validità degli accordi sottoposti a referendum".Nelle stesse ore del referendum il cda di Alitalia ha approvato il bilancio 2013 e varato l aumento di capitale di 250 milioni necessario a garantire altro ossigeno alla compagnia. Ma la strada che dovrebbe portare all accordo con Etihad, pronta a entrare con 560 milioni, resta in salita, anche a causa dell aut aut di Poste, decisa a partecipare all operazione soltanto nella newco.