Milano (TMNews) - Il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, ha chiesto che si arrivi presto a una definizione degli eventuali extracosti per varianti sui lavori della cosiddetta piastra di Expo 2015. Si tratta dell'appalto più importante, vinto da un raggruppamento di imprese guidato da Mantovani: "E' una vicenda che stiamo monitorando per quanto riguarda le varianti. C'è in corso un'attività particolarmente complessa. Abbiamo struttura e linee guida per poter giungere all'approvazione delle varianti. Abbiamo coinvolto l'Avvocatura generale dello Stato. Noi provvederemo in modo rigoroso, tenendo presente un dato che la Mantovani in questo momento è l'azienda che sta svolgendo il ruolo più importante, per cui se ci sono cose da riconoscere vanno riconosciute nel più breve tempo possibile anche per evitare che questo provochi problemi ad Expo".