No a scorciatoie per uscire dalla crisi