Roma, (TMNews) - Ha lasciato tutti a bocca asciutta la Banca centrale europea: niente taglio ai tassi di interesse, che restano così allo 0,25 per cento, e niente nuove misure straordinarie. Al termine del direttorio, il presidente Mario Draghi ha riferito che l'economia si evolve in linea con le attese: "ripresa a rilento e prolungata bassa inflazione", ma senza destare allarmi.La Bce ha ritoccato al rialzo le previsioni sulla crescita di Eurolandia di quest'anno, mentre ha limato quelle sull'inflazione. E resta "pronta a considerare tutti gli strumenti disponibili e a prendere altre misure se necessario". Ma per ora nulla di nuovo a Francoforte. E la reazione dei mercati non si è fatta attendere: l'euro è subito balzato sopra 1,38 dollari, sui massimi da inizio anno, mentre le Borse hanno rallentato.La Bce infine appogia il rapporto Ue che ha richiamato l'Italia su debito pubblico e competitività. E ha avvertito che fare marce indietro sul risanamento dei conti "sarebbe un disatro".