Francoforte (TMNews) - La Banca Centrale europea conferma i segnali di miglioramento per l'economia del Vecchio continente: nel bollettino mensile emesso da Francoforte si profila una graduale ripresa con un rialzo delle stime sul Pil dell'Eurozona. Nel 2013 si prevede un calo dello 0,4%, che però diventerà un +1% nel prossimo anno. A favorire l'ottimismo della Bce soprattutto il progressivo miglioramento della domanda interna sostenuta dell'orientamento accomodante della politica monetaria. L'attività economica dovrebbe inoltre beneficiare anche di un graduale rafforzamento della domanda esterna di esportazioni oltre che della maggiore attenzione ai conti pubblici. L'Italia, però, resta sempre un po' indietro, e dall'Eurotower arriva un monito al nostro Paese proprio sulla disciplina di bilancio: il peggioramento del fabbisogno, secondo l'istituto guidato da Mario Draghi, evidenzia rischi crescenti per il conseguimento dell'obiettivo di disavanzo al 2,9% del Pil per il 2013.