Roma, (askanews) - "Lavoratrici e lavoratori oggi si sono astenuti dal lavoro al prezzo di un sacrificio economico importante, a loro si uniscono in 54 piazze, pensionati e studenti per avere anche loro un futuro. Noi stiamo facendo questa iniziativa per cambiare la politica economica del governo e dell'Europa perché il 3% del patto di Stabilità sta affamando molti milioni di persone in Europa e non è concepibile pensare che i posti di lavoro si possano creare per decreto". E' il messaggio lanciato a Roma dal segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, allo sciopero generale proclamato da Cgil e Uil.I posti di lavoro, ha detto, "bisogna crearli immettendo massa monetaria per riprendere i consumi. Perché i nostri problemi sono con le aziende che producono per il mercato interno. Bisogna cambiare verso. Fermiamo l'Italia per farla ripartire nel modo giusto e nella direzione giusta".