Milano (TMNews) - Non si ferma il crollo del mercato europeo dell'auto. A marzo 2013 si è infatti registrato il diciottesimo segno meno consecutivo del dato su base mensile, che in relazione allo scorso anno vede una frenata del 10,3%. Più contenuto, ma comunque pesante, il rallentamento del mercato su base trimestrale, assestatosi, secondo i dati Acea, su un -9,8%. I dati nazionali parlano di numeri positivi nel Regno Unito, mentre in Italia, Spagna, Francia e Germania il dato è costantemente negativo, in particolare per il trimestre.Nel panorama depresso, anche un segno meno più contenuto, rappresenta un passo avanti. E dunque Fiat, che a marzo registra una flessione delle immatricolazioni dell'1,2%, può vantare un risultato "decisamente migliore rispetto a quello del mercato". Nei primi tre mesi Fiat Group Automobilies nell'area Ue più i Paesi Efta ha portato la propria quota di mercato al 6,4%, con una lieve crescita (+0,1%) rispetto a un anno fa.