Roma, (askanews) - L'Italia è un Paese molto esposto alle catastrofi naturali e ha bisogno di un cambio di strategia che porti a una gestione preventiva e strutturata dei rischi. Così il presidente dell'Ania, Maria Bianca Farina, presentando uno studio dell'associazione delle imprese assicuratrici.

"Chiediamo a ciascuno di fare la propria parte - dice - noi per primi ci sediamo attorno a un tavolo, mettendo a disposizione competenze, analisi e progetti che abbiamo già elaborato. Poi, tutti gli attori chiave devono, ciascuno dal proprio punto di vista, dare un contributo. Quello che è importante è che si capisca che non è più dilazionabile la gestione di questi rischi sempre in termini di emergenza. Ma bisogna pensare ex ante di predisporre le risorse e le procedure necessarie per prevenire che i rischi si manifestino. E' la cosa più importante - aggiunge Farina - e nel caso invece che questo non si riesca a evitare è necessario intervenire con immediatezza, velocità e trasparenza dando serenità alle persone che, in quelle condizioni, la serenità l'hanno persa".