Milano, (TMNews) - Nel 2013 si sono registrati quasi due milioni di nuovi disoccupati. E ad oggi ci sono altri 200mila lavoratori in cassa integrazione straordinaria e in deroga rischiano di perdere il posto di lavoro a breve. È l'allarme lanciato dalla Cisl, che ha diffuso le stime dell'Osservatorio industria e mercato del lavoro in base ai dati Inps. Quei 208.283 posti a rischio sono in calo rispetto all'anno precedente, ma il numero per il sindacato resta "pericolosamente alto". All'inizio del 2014 le vertenze aperte al ministero dello Sviluppo economico sono 159 per circa 120mila lavoratori interessati.Lo scorso anno la cassa integrazione ha superato il miliardo di ore autorizzate, viaggiando al ritmo di circa 90 milioni di ore mensili. A preoccupare di più il sindacato è il passaggio più accentuato da cassa integrazione a disoccupazione: nei primi 11 mesi le domande per sussidi di disoccupazione è mobilità sono aumentate del 32,5%, a quota 1,95 milioni. I dati sulle ore complessive autorizzate mostrano una netta concentrazioni in Lombardia (23,4%), in Piemonte (12%) e in Veneto (10,1%).