Roma, (askanews) - Dalla terra a un piccolo modello produttivo: un orto gestito dagli studenti. E' il progetto dell'università Luiss per unire ambiente, agricoltura e alimentazione: imparare a gestire il terreno, elaborare idee e progetti, usare gli strumenti adeguati. Il vicepresidente esecutivo della Luiss, Luigi Serra."E' bello vedere che c'è una porzione di università affidata agli studenti in cui loro lavorano la terra ma soprattutto si organizzano, seguono i ritmi delle stagioni delle colture, è tutto molto affascinante; un altro esempio di quella flessibilità che noi speriamo di contribuire a formare negli studenti".Un lavoro concreto che mette le mani in terra, ma vuole avere valore simbolico: perché usa la collaborazione di tutte le strutture dell'università di viale Romania, e perché deve essere un modello in scala ridotta di quello che si intende realizzare anche fuori dall'università, come spiega Erika Munno, studentessa e tutor del gruppo LabGov che realizza l'orto: "Diventa uno spazio, un bene nel quale sperimentare il paradigma della collaborazione che noi come laboratorio per la governance dei beni comuni stiamo portando avanti in tutta Italia già da due anni con una serie di progetti volti alla collaborazione fra istituzioni, cittadini e imprese".