Roma, (TMNews) - L'occasione è insolita, ma il monito è perentorio: in alcuni Paesi europei la disoccupazione ha raggiunto livelli che incrinano la fiducia in dignitose prospettive di vita, e che rischiano di innescare forme di protesta estreme e distruttive. A parlare è il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, nella sua lectio magistralis all'Università Luiss Guido Carli di Roma, in occasione del conferimento della laurea Honoris Causa in Scienze politiche. Nel suo intervento, Draghi si è soffermato anche sulle politiche di bilancio dei paesi dell'area euro che "devono essere mantenute su sentieri sostenibili" e ai governi ha chiesto di tagliare la spesa senza alzare le tasse. Mentre sulla crisi finanziaria il governatore della Bce ha detto:"La crisi finanziaria mondiale ha risvegliato bruscamente tutti gli attori da una lunga, compiaciuta amnesia". Alla cerimonia alla Luiss hanno partecipato personalità del mondo dell'economia e della finanza. Numerosissimi gli studenti accorsi per l'appuntamento, ma molti di loro non hanno potuto prendere posto nell'Aula Magna a causa dell'elevato afflusso.