Roma, (askanews) - Una serata all'insegna della solidarietà e dell'ottimo cibo; tre squadre di aspiranti master formate da studenti, ospiti famosi e dipendenti che si sono sfidati a colpi di fornelli in una vera e propria "food competition". Sono stati oltre 2mila i partecipanti al Gran Ballo della Luiss, l'evento più atteso di fine anno accademico riservato esclusivamente agli studenti, ai neolaureati e agli iscritti ai corsi post laurea dell'Ateneo.Giovanni Lo Storto, direttore generale della Luiss, ha illustrato il senso dell'iniziativa. "Una serata di solidarietà, una gara di cucina, e utilizzeremo i prodotti del nostro orto condiviso dove i ragazzi lavorano tutto l'anno insieme per celebrare l'anno del food in Italia".Come in ogni gara che si rispetti, le pietanze sono state valutate da una giuria di ospiti vip. Tra questi anche Gianfranco Vissani, celeberrimo chef stellato che, alla fine, ha premiato il piatto migliore. Da lui un appello a tutelare la terra e a far crescere anche nelle Università la cultura enogastronomica: "I ragazzi dovrebbero imparare di più come si riconosce un prodotto, il prodotto OGM, biodinamico e biologico. Oggi la tecnologia va avanti ma non bisogna azzardare più di tanto perchè delle volte non corrisponde a realtà". "Vogliamo realizzare quello che negli anni '50 i nostri nonni ci hanno lasciato per una grande cultura dell'enogastronomia. Noi dobbiamo ricordarci che c'è solamente una terra".