Roma, (TMNews) - Se ci fosse bisogna di un'altra riprova dello strapotere economico della Cina, arriva da Alibaba. Il sito numero uno del commercio online di Cina continua a macinare record, diversificando le sue attività, e si prepara a sbarcare a Wall Street. Sede a Hong Kong, fondato da Jack Ma, per Alibaba si prevede un collocamento in Borsa da 21 miliardi di dollari, contro ad esempio i 16 di Facebook.Il gruppo cinese si propone di vendere 320 milioni di azioni a un prezzo oltre i 66 dollari.Jack Ma ricorda che inizialmente il sito voleva debuttare alla borsa di Hong Kong, e non è stato possibile per le regole commerciali dell'ex colonia britannica, ma, ha assicurato, "noi continuiamo ad amare e sostenere Hong Kong".L'ex professore d'inglese creò il sito nel 1999 con un finanziamento da 60mila dollari. Oggi impiega ventimila persone e controlla il 90% del commercio online fra privati in Cina. L'ascesa fulminante di Alibaba ha costretto eBay a ritirarsi dl mercato cinese una decina di anni fa.Il sito ha diverse attività anche sui prodotti finanziari e si presenta come un ibrido di Amazon, Paypal e eBay. Ma deve fronteggiare anche la concorrenza interna del numero due del settore in Cina, Jd.com, già quotato a New York.