Milano, (TMNews) - Archiviato un 2013 con un fatturato in calo del 2,4% a 7,8 miliardi di euro, il settore del tessile italiano guarda con ottimismo al 2014 e all'inaugurazione della 18ma edizione di Milano Unica, il Salone Italiano del Tessile, che dall'11 al 13 febbraio a Fieramilanocity, proporrà le collezioni Primavera/Estate 2015 con la partecipazione di 398 aziende espositrici, di cui 72 provenienti dall'estero. Certo le preoccupazioni restano ma secondo il presidente di Milano Unica, Silvio Albini, la voglia di Made in Italy è alta e questo fa ben sperare. "Ovviamente siamo preoccupati persò siamo abbastanza positivi perché il 2014 inizia meglio di quanto era iniziato il 2013, quindi il trend è in miglioramento".Quanto al 2013, oltre al fatturato sono leggermente diminuite le esportazioni, -1,4%, ma il saldo della bilancia commerciale resta positivo con un saldo di 2,4 mld. Pesante il bilancio occupazione: nei primi 9 mesi del 2013 i posti di lavoro sono diminuiti del 7,3% al netto delle chiusure che sono state oltre 500.