Genova (TMNews) - Colori accesi, fibre e materiali naturali lavorati artigianalmente nel rispetto dell'ambiente e di chi li produce e di chi li indossa; è la nuova collezione primavera/estate di Auteurs du Monde, presentata a Genova dalla stilista Marina Spadafora, direttore creativo della linea di moda etica di Altromercato."La moda etica - ha spiegato la stilista - segue i parametri del Fair trade, il commercio equo e solidale. Esiste un'organizzazione mondiale che ha 10 regola tra cui non utilizzare i bambini, avere la paga giusta per chi lavora , un luogo sicuro e anche sano".La collezione propone capi e accessori di moda originali, realizzati da centinaia di artigiani in diversi Paesi del mondo. S'ispira ai porti di mare, richiamando i colori vivaci e accesi dei giardini tropicali. Un'esperienza in cui gli abitir accontano di etica, giustizia sociale e diritti."Gli abiti - ha aggiunto Marina Spadafora - se non sono tinti con tinture prive di metalli pesanti, quindi 'azo free' diventano tossici, non solo per chi li tinge ma anche per chi li mette e i nostri sono tutti 'azo free'".La sfilata di Genova è stata anche l'occasione per lanciare il Fashion revolution day per un'industria della moda più etica e giusta, che si svolgerà il 24 aprile in occasione del primo anniversario della strage di Rana Plaza a Dhaka, in Bangladesh, dove persero la vita 1.133 operai."E' un giorno - ha precisato la stilista - in cui tutti ci metteremo gli abiti al contrario per dire basta a queste cose".