Cipro non riesce a dimenticare l'incubo di 5 anni fa: la crisi bancaria e l'intervento della Troika. Allora un accordo di “bail-in” spazzò via 9,4 miliardi tra azioni, obbligazioni e conti correnti .Oggi a finire nei guai è la Cooperative Bank, seconda banca nazionale. La situazione è così difficile da aver provocato fughe dei capitali per 2,5 miliardi