Milano (askanews) - Un blocco di appunti come un diario segreto con calcoli e formule che danno il senso di un trionfo personale di cui essere orgogliosi, prima ancora che di un valore tecnico-economico. E poi: visi sorridenti in ambienti fantascientifici, oppure immense strutture, vere e proprie cattedrali della sperimentazione scientifica. Sono le immagini che danno vita alla mostra "I volti della Ricerca" allestita al Museo della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano in occasione dell'incontro "Ricerca di Sistema, il contributo di Rse alla strategia energetica europea".Nelle foto di Valentino Candiani si raccontano prima di tutto "le persone", vere risorse fondamentali che danno vita alla ricerca italiana in campo elettro-energetico, come spiega Stefano Besseghini, presidente e ad di Rse, la società Ricerca sistema energetico del gruppo Gse. "Questa mostra che abbiamo voluto associare all'evento di presentazione dei risultati è stata fatta perché crediamo che i contenuti e i risultati della ricerca non prescindono mai dalle persone che la ricerca fanno. In fondo per una struttura di ricerca il capitale più importante è il capitale umano: sono le persone che mettono passione, dedizione, tempo in una attività che non è mai facile come è quella della ricerca.In Rse lavorano 350 persone, una dimensione definita da Besseghini "ottimale" per garantire lo sviluppo dei progetti di ricerca senza richiedere una governance ingombrante. "Ci è sembrato - conclude Besseghini - un giusto, piccolo contributo: quello di far vedere le facce di chi si occupa di ricerca. E da qui questa piccola mostra fotografica".