Roma, (askanews) - Più che un faccia a faccia, un nuovo modo di confrontarsi e mettere insieme le proprie energie: enti locali, alcuni big della comunicazione e della tecnologia, oltre a rappresentanti di categoria, si sono trovati gli uni di fronte agli altri nel tavolo di lavoro organizzato a Palazzo Vecchio, a Firenze, da Consenso, gruppo Hdrà e Huawei Italia. Ne è emersa la certezza che, solo dalla collaborazione di pubblico e privato e dallo scambio di esperienze, l'agenda digitale del Governo diventerà una realtà rivoluzionaria. Il sindaco di Firenze, Dario Nardella: "Mi ha colpito molto il desiderio di tutti gli attori, di creare un eco-sistema, cioè un contesto favorevole alla crescita dell'economia digitale".L'incontro è stato molto positivo anche per Huawei Italia. Il country director Alessandro Cozzi: "Quando si parla di cloud, smart cities, economia digitale nessuno è in grado di fare da solo, è un concetto di inclusione, di collaborazione secondo logiche aperte".L'attenzione è comunque tutta per l'agenda digitale del Governo. Paolo Barberis, consigliere del presidente del Consiglio, è convinto che il concetto di "ecosistema digitale" sia finalmente entrato in circolo. "Può essere il momento giusto per realizzare l'ecosistema di cui stiamo parlando".