Mosca, (askanews) - Il mondo del business europeo attivo in Russia non intende mollare e continua a credere nel futuro di Mosca, nonostante la crisi finanziaria iniziata nel 2014: nel segno dell'ottimismo e del dialogo la potente lobby Aeb (Association of European Business), l'associazione che riunisce a Mosca le imprese del vecchio continente, ha compiuto vent'anni.Il suo presidente, Philippe Pegorier, spiega: "Gli investimenti diretti europei in Russia sono pari a 170 miliardi di euro, 20 anni fa erano solo un miliardo. Siamo presenti in ogni settore dell'economia, tecnologia, IT, agricoltura, salute e via dicendo. E penso che questo sia veramente importante".L'Aeb, sorta sulle ceneri dell'Urss e in un Paese in violenta trasformazione, in questi due decenni ha fatto passi da gigante. Ed è oggi composta da oltre 600 società, anche italiane, in maggioranza veri colossi, provenienti da 23 paesi dell'Unione europea.