New York (askanews) - La Federal reserve alza i tassi dopo sette anni. Il governatore della banca centrale americana Janet Yellen ha dato agli investitori quello in cui speravano: un rialzo"modesto" e "appropriato" con la promessa che le future strettemonetarie saranno "graduali".La Federal Reserve ha dato ufficialmente inizio alla normalizzazione della politica monetaria americana con l'annuncio di un aumento del costo del denaro - il primo dal giugno 2006 - di 25 punti base allo 0,25%."Questa decisione segna la fine di un'era straordinaria durante la quale i tassi sono stati tenuti vicini allo zero per sostenere la ripresa dell'economia" ha dichiarato Yellen.Secondo un documento diffuso dalla Fed "l'attività economica si sta espandendo a un passo moderato. Le spese delle famiglie e gli investimenti fissi delle aziende sono saliti a un passo solido negli ultimi mesi e il settore immobiliare residenziale è migliorato ulteriormente" anche se "le esportazioni nette sono state soft".Yellen ha compiuto così una prima, cauta, inversione di rotta rispetto a quanto fatto dal predecessore Ben Bernanke, alle prese con la peggiore crisi dalla Grande Depressione degli anni '30. Fu lui, proprio il 16 dicembre di sette anni fa, ad annunciare il range dei tassi tra lo 0 e lo 0,25%.