Roma, (askanews) - Piena soddisfazione da parte del presidente uscente di Confindustria, Giorgio Squinzi, alla designazione di Vincenzo Boccia alla guida della confederazione per i prossimi quattro anni. Dopo la votazione che ha visto prevalere Boccia su Vacchi per 100 voti a 91, Squinzi ha usato parole di elogio per il prossimo presidente e per l'intero sistema confindustriale."L'elezione del nuovo presidente, di come si sono svolti i lavori è una conferma della validità della riforma Pesenti. E' stata una grande prova di democrazia, l'esito è stato molto incerto fino all'ultimo, ma alla fine possiamo confermare che ha vinto decisamente la democrazia. Questo per un sistema di rappresentanza come quello di Confindustria è molto importante".Squinzi ha auspicato che la divisione in Confindustria emersa con la votazione venga ricomposta al più presto: "Mi auguro che al di là dell'apparente spaccatura di 100 voti a 91 che è stato l'esito della votazione, ci sia immediatamente la possibilità di ricomporre l'unità di Confindustria perché credo che soltanto se saremo uniti e coesi rimarremo e saremo sempre più autorevoli. E' un auspicio per il futuro immediato".Il Presidente uscente si è congratulato infine con Boccia: "Vorrei congratularmi con il neo presidente designato, ho lavorato con Enzo Boccia in questi quattro anni della mia presidenza, è una persona che stimo molto, come per altro stimo l'altro candidato. Penso che potremo assicurare una linea di continuità all'azione di Confindustria e quindi gli auguro da parte mia e di tutta la struttura un buon lavoro per i prossimi 4 anni".