Roma, (askanews) - "Commissario, la Fondazione Inarcassa lamenta la mancanza di una disciplina organica degli appalti dei servizi di architettura e ingegneria. "E' vero, la disciplina dei servizi di architettura e ingegneria è stata distribuita nel Codice: troviamo diverse norme in diversi posti, però io credo che ci si stata, da questo punto di vista, una vera e propria tecnica redazionale, cioè quella di provare a disciplinare le diverse fasi e inserire lì la disciplina dei singoli istituti. C'è qualcosa di molto importante però che può fare l'Anac con le sue linee guida e d'altra parte lo chiede anche il Consiglio di Stato nel suo parere sul progetto di Codice. Ecco, l'idea è quella di creare delle linee guida che possano poi riportare a unità il tutto. Già l'Anac ha emanato, vigente il vecchio Codice, le linee guida sui servizi di ingeneria e architettura e a breve si appresta a emanare le linee guida di carattere generale. Quindi io credo che lì potranno trovare una disciplina organica che potrebbe in qualche modo riportare e unità tutte le norme che sono effettiavamente sparpagliate nel Codice". "Altrimenti la Fondazione lamenta il rischio sulla qualità dei progetti". "Io sono sicuro che le amministrazioni saranno capaci di trovare le singole norme all'interno del Codice. Si tratta soltanto di individuarle. Io credo che la qualità dei progetti dipende dall'impegno di ciascuno di noi, dipende dall'impegno di chi, poi, deve andare ad applicare il Codice. Anzitutto l'Anac con le sue linee guida, ma le amministrazioni che dovranno riuscire a capire in che termini riuscire a dare innovatività al sistema e riportare a unità il tutto e ottenere soprattutto un'ottima programmazione da parte della Pubblica amministrazione. La Pubblica amministrazione deve fare programmazione: un'ottima qualità dei progetti, che è fondamentale per la buona riuscita delle opere e anche soprattutto per evitare il fenomeno delle varianti che abbiamo visto molto spesso si connette ad aumenti di spesa o addirittura a fenomeni corruttivi". "Quindi lei ritiene che questa disciplina organica potrà trovare spazio all'interno delle linee guida?". "Ne sono sicuro".