Milano (TMNews) - Le gallerie d'arte di Milano si preparano ad affrontare la sfida di Expo 2015, con ottimismo. Presentando in Triennale una mostra sul lavoro dei galleristi meneghini, il delegato lombardo dell'associazione di categoria Angamc, Giangaleazzo Visconti di Modrone, parla di come sta cambiando il clima verso chi lavora nella cultura."Finalmente - ci ha detto - l'arte viene vista anche come un mercato, un mondo e non solo come se fosse qualcosa che deve abbellire un salotto o un museo. Si sa che durante l'Expo ci saranno delle grosse manifestazioni, e questo non fa che bene al sistema arte italiano".I galleristi milanesi, dunque, puntano forte sull'Esposizione, nonché sulla sinergia tra gli imprenditori privati e le istituzioni, come la Triennale."La Triennale - ha aggiunto Visconti di Modrone - sarà tutta in mano a Celant, che è un curatore di fama internazionale. Questo è un segnale, quindi: l'arte c'è e ci si crede".La speranza è che dalla cultura possa partire anche la ripresa.