Roma, (askanews) - Sta scrivendo il copione del suo nuovo film, le cui riprese inizieranno a marzo. Giovanni Veronesi parla della sua prossima pellicola, a margine del Lucania Film Festival: "Sto scrivendo, inizierò a girare a marzo e sto cercando il nuovo Elio Germano"."Non è un Paese per giovani" è il film che trae origine dalla trasmissione radiofonica di Veronesi: "Mi ha dato entusiasmo questo progetto perchè sta vicino ai ragazzi. Cerca di capire il fenomeno della fuga di giovani all'estero, oltre 100mila l'anno. Tra dieci anni un milione, quasi una generazione".Un tema di stretta attualità, quello della fuga dei giovani all'estero. Ecco gli argomenti che Veronesi affronterà nel suo nuovo lavoro: "Le difficoltà che hanno i giovani nel trovare il lavoro e soprattutto nell'essere soddisfatti nel realizzare i propri desideri in Italia, paese molto cupo in questo momento che non considera i giovani una risorsa ma piuttosto un peso. È un film che dice queste cose con la leggerezza di una commedia, ma premendo l'acceleratore su questo tasto: attenzione perchè i giovani sono una risorsa".E della sua esperienza in radio, il regista toscano dice: "La radio è una ginnastica per il cervello incredibile, tutti i giorni in diretta un'ora e mezzo. Tengo allenato il cervello tutti i giorni".