Roma, (askanews) - "Ivan Graziani. Il primo Cantautore Rock". Un libro che vuole raccontare l'originalità e l'unicità di Ivan Graziani, per la sua invenzione negli anni '70 di un suo stile di scrittura e di un suo linguaggio musicale, che univa la canzone d'autore e il rock. Il libro, scritto da Paolo Talanca, critico musicale, scrittore, blogger e articolista de Il Fatto Quotidiano, esce a 70 anni dalla nascita del cantautore abruzzese ed è stato presentato in Senato in un incontro in cui ha preso parte anche Antonello Venditti, amico di Graziani, citato più volte nel libro e fondamentale per il suo disco del '77 "I lupi" con cui si fece conoscere al grande pubblico, che lo ha ricordato così."Nacque un'amicizia profonda, io e Ivan eravamo amichetti, abbiamo passato anni insieme, di notte abbiamo vomitato insieme oltre a suonare insieme, abbiamo vissuto tante vite e quello che vivono insieme gli amici, enormi ubriacature, più sue che mie, i ritorni a casa in cui io ero l'autista...".Graziani è scomparso nel '97 a 51 anni e per Venditti è giusto ricordarlo e rivalutarlo."Sono felice di essere qui più come amico che come musicista, con me parlava, che è una cosa che oggi manca, perché il confronto nella musica, come nella vita, è quello che ci fa andare avanti e crescere".