Roma, (askanews) - La grande cantante tedesca Ute Lemper - intervistata a margine dello spettacolo sulla Shoah "Tutto ciò che resta" a Roma - ha rivelato che le piacerebbe duettare con Paolo Conte. "Naturalmente Paolo Conte, anche lui è un jazzista, sarebbe magnifico", ha dichiarato. All'artista, che vive a New York e il cui repertorio, per quanto legato a Kurt Weill ed Edith Piaf resta spiccatamente jazzistico, piacerebbe inoltre collaborare con la contrabbassista statunitense Esperanza Spalding. "Non c'è più Miles Davis, sarebbe stato meraviglioso. Mi piacerebbe fare qualcosa con Esperanza Spalding, la ammiro molto"Lemper, che è anche attrice di cinema e di teatro, sarà nuovamente in Italia a giugno alla Milanesiana per un progetto di musica e letteratura legato a Paulo Coelho e in estate star del festival di Ravello. "Sono sempre in Italia, ogni anno suono nei più bei festival, l'estate scorsa ero a Ravenna. Suono in tante bellissime città, le conosco tutte, dalla Sicilia alla Sardegna, e Napoli, Bari, Torino. Sono continuamente in Italia".