Milano (TMNews) - Una grande vetrata divisa in rettangoli dai colori forti e con le caratteristiche linee di Daniel Buren: è l'opera "Cinq Couleurs pour un Cylindre" che è stata donata dai collezionisti Braga Illa alla Triennale di Milano. Presente alla cerimonia di donazione anche il 78enne artista francese, che ha ricordato la genesi del progetto."Quando ho visto il tipo di architettura - ci ha spiegato - mi sembra evidente che la cosa da fare per me era di cambiare non la struttura, ma il colore che qui è come un catalizzatore della luce ambiente".Luce che, così filtrata, diventa l'elemento di dialogo tra le sale che ospitano le esposizioni della Triennale e lo spazio esterno. Oltre che un'opera d'arte che si inserisce all'interno della stessa struttura del palazzo, modificandola in modi sempre diversi. Che Bure definisce così:"Una possibilità di gioco con il colore, che oggi si vede come un risultato policromo".Alla cerimonia, accanto ai donatori e alla gallerista Francesca Minini, era presente anche il presidente della Triennale Claudio De Albertis.Io credo che questi gesti di mecenatismo - ci ha detto - siano fondamentali per le istituzioni culturali. E questa è la strada che mi auguro qualcun altro vorrà seguire. Per noi è un grande giorno, perché poi Daniel Buren è uno dei più grandi artisti contemporanei".E così, nel luogo simbolo del design e dell'architettura milanese ecco che i Colori di Buren aggiungono un altro tassello al mosaico della rappresentazione della creatività contemporanea che va quotidianamente in scena in Triennale.