Amman, (askanews) - Turismo e valorizzazione del patrimonio storico ed artistico sempre più al centro dell'azione promozionale della Giordania. Con un'inattesa nota di fondo tutta italiana. Si sta concludendo infatti in Giordania, dopo un anno e mezzo di lavoro, un progetto europeo Twinning di collaborazione proprio per la promozione dei siti Unesco e patrimonio dell'umanità in cui l'unico paese partner presente è proprio l'Italia, con il ministero dei Beni Culturali, il Formez, Regione, Provincia e Comune di Firenze. Interessante poi il taglio promozionale scelto dal socio italiano per il rilancio della Giordania, tutto rivolto all'innovazione digitale. Un successo, nelle parole dei protagonisti, che avrà un seguito ancora made in Italy. Lo conferma ad askanews l'ambasciatore italiano ad Amman, Patrizio Fondi."Siamo stati scelti e ne siamo orgogliosi anche per i risultati raggiunti - dice Fondi - e non finisce qui nel senso che ci saranno follow up sia con il Ministero che con gli altri enti locali e quindi credo che questa sarà una piattaforma importante per rilanciare la collaborazione in questo campo e ampliare anche l'offerta turistica giordana".Giordania chiama quindi ancora Italia per provare con l'innovazione a fare del turismo una leva di promozione verso soprattutto i flussi dei giovani. Come sottolinea, alla vigilia della chiusura di questo progetto Twinning, la resident adviser, l'italiana Lara Fantoni."Il ministero del Turismo giordano ha chiesto il riuso di una applicazione per il turismo. Si chiama Firenze Turismo e risponde a tutto il territorio della provincia di Firenze. E' una app informativa", dice Fantoni.