Roma, 19 set. (askanews) - Colonne piene di specchi in mezzo alla passerella, come una sfilata in un moderno tempio greco, ma con un occhio anche alla colonne di Buren a Parigi, la grande scacchiera nel giardino del Palais Royal.

La collezione per la primavera-estate 2017 di Mary Katrantzou presentata a Londra, si ispira alla mitologia e alla civiltà minoica, e lo si vede soprattutto nei tessuti stampati. Giochi di illusioni ottiche, disegni, figure antiche. Gonne lunghe, anche fino ai piedi, tuniche e pantaloni a completo con giacche coloratissime. Una collezione che strizza però l'occhio anche alla pop art. La stilista, greca, di Atene, da anni lavora sui tessuti, usando anche il trompe-l'oeil: "Non so perché ma ho sentito che volevo creare una collezione che fosse fedele alle mie radici e che esprimesse tutto quello che ho costruito nella mia carriera lavorando con le stampe e i disegni" ha spiegato.

Ad assistere c'era anche Eva Herzigova, entusiasta della collezione: "Ha preso il tema del classicismo e lo ha trasportato nella pop art, nel rock n'roll, con colori straordinari, silhouette sexy, sofisticate, eleganti, e davvero molto belle".